Quanta pista devono decollare i jet privati?

Essere in grado di decollare nella distanza più breve possibile è sempre vantaggioso.

Avere una distanza di decollo inferiore consentirà agli aeromobili di operare da più aeroporti. Ciò, a sua volta, consente ai passeggeri di volare dentro e fuori gli aeroporti più piccoli.

Ciò non solo significa che l'aereo è più versatile dove può andare, ma ridurrà anche il tempo di viaggio. Dato che l'aereo può operare dentro e fuori da più aeroporti, l'aereo può partire e arrivare più vicino alla tua destinazione finale.

Ciò, quindi, riduce il tempo di viaggio a terra, con conseguente riduzione del tempo di viaggio complessivo. E, dopo tutto, lo scopo principale dei jet privati ​​è ridurre il tempo di viaggio complessivo.

Cessna CitationGetto

Distanza minima di decollo di tutti i jet privati

Quando si tratta della lunghezza della pista che i jet privati ​​richiedono per il decollo, la cifra che verrà indicata è in genere la distanza minima richiesta.

Come con apparentemente tutto nell'aviazione, ci sono una varietà di fattori che influenzano i numeri del mondo reale.

Tuttavia, dato che è impossibile tenere conto di ogni singolo scenario che influenzerebbe l'effettiva distanza di decollo di questi velivoli, ci atterremo ai dati sulla distanza minima di decollo dei produttori.

Una cosa interessante da notare guardando il grafico delle cifre minime di decollo per tutti i jet privati ​​è la scorrevolezza. Questo è particolarmente interessante se confrontato con la forma del grafico dell'altitudine massima di tutti i jet privati.

Distanza minima di decollo per aeromobili di grandi dimensioni

La differenza nella distanza minima di decollo tra il jet di grandi dimensioni con prestazioni migliori e peggiori è netta.

Con un certo margine l'aereo con la distanza minima di decollo più lunga è il Bombardier Challenger 850 con una distanza minima di decollo di 6,800 piedi. Naturalmente, questo non sorprende, dato che si tratta di un grande aereo basato sull'aereo di linea CRJ200.

Tuttavia, la Challenger 850 ha il stesse dimensioni della cabina la Global 6000, tuttavia, il Global 6000 si comporta leggermente meglio del Challenger 850

All'estremo opposto dello spettro, c'è il Dassault Falcon 50-40. Un aereo che nonostante abbia 40 anni dimostra ancora prestazioni impressionanti tutt'intorno.

Dassault Falcon 8X in decollo dall'aeroporto di Londra City
Dassault Falcon 8X

In termini di tendenze, c'è molto poco da fare con la distanza minima di decollo.

Non è così chiaro come le tendenze di velocità massima di crociera or gamma, per esempio.

Non c'è una tendenza secondo cui gli aerei più grandi richiedono più piste rispetto ai jet più piccoli. Questo semplicemente non esiste qui. O, almeno, non succede abbastanza per disegnarlo come un tema comune.

Ad esempio, al cotone biologico viene applicata l'etichetta Gulfstream G650 – a un certo punto l'aereo di punta per Gulfstream – richiede solo 5,858 piedi per il decollo. In confronto, il più piccolo Dassault Falcon 2000LXS richiede almeno 5,878 piedi di pista.

Naturalmente, una differenza di venti piedi non farà la differenza nel mondo reale. Tuttavia, è importante riconoscere per identificare la mancanza di andamento tra dimensione e distanza minima di decollo.

Aerei medi Distanza minima di decollo

Sorprendentemente, quando si tratta della distanza minima di decollo per velivoli di medie dimensioni, il divario diventa ancora maggiore.

All'interno di questa categoria, vediamo l'aereo con le prestazioni peggiori, il Gulfstream G200, con una distanza minima di decollo di 7,000 piedi.

E poi, all'estremo opposto della scala, c'è il Pilatus PC-24, con una distanza minima di decollo di ben 2,930 piedi.

Naturalmente, se conosci il PC-24, questa non sarà una sorpresa. In termini di prestazioni al suolo, il PC-24 è in un campionato a parte. È uno dei jet più versatili sul mercato, in grado di offrire prestazioni impressionanti negli aeroporti ad alta quota. Inoltre, possiede la rara capacità tra i jet di essere in grado di atterrare su piste di ghiaia, terra ed erba.

Pilatus il pc-24 decolla dalla pista sterrata
Pilatus PC-24

Tra questi due estremi ci sono, ancora una volta, pochissime tendenze da notare con la distanza minima di decollo degli aerei di medie dimensioni.

Velivolo leggero Distanza minima di decollo

Nella categoria dei velivoli leggeri, ci sono alcune tendenze da segnalare per quanto riguarda la distanza minima di decollo.

In primo luogo, la differenza tra l'aereo migliore e quello peggiore.

Il Cessna Citation III è il jet leggero con la distanza minima di decollo più lunga, che richiede almeno 5,030 piedi per raggiungere il cielo. Tuttavia, è in buona compagnia con il Bombardier Learjet 35A e Learjet 36A, con entrambi che richiedono almeno 4,972 incontri.

All'estremo opposto c'è il Embraer Phenom 300 con una distanza minima di decollo di 3,138 piedi. Anche questo è in buona compagnia con il Cessna Citation CJ3 e CJ3+, con entrambi i velivoli che richiedono almeno 3,180 piedi.

Tuttavia, si noti che queste cifre sono ancora maggiori del Pilatus PC-24. Ciò dimostra ulteriormente le impressionanti prestazioni a terra dell'aereo di fabbricazione svizzera.

Embraer Phenom 300E esterno in avvicinamento a terra
Embraer Phenom 300E

Tra questi due estremi ci sono alcune tendenze da segnalare.

In primo luogo, la differenza tra Phenom 300 e Citation III non è così significativo come con jet di medie e grandi dimensioni. C'è una differenza nella distanza minima di decollo di poco meno di 2,000 piedi tra questi due velivoli.

In secondo luogo, gli aerei intermedi sono molto più raggruppati, principalmente in tre gruppi distinti.

A partire dai velivoli più performanti, ci sono quelli con una distanza minima di decollo da circa 3,100 piedi a circa 3,500 piedi. Questi aerei includono il Phenom 300, CJ3, CJ3+, Phenom 300, Citation SI, Citation io, CJ2, CJ4, Citation II, e Learjet 31

Dopo questo gruppo, troviamo l'aereo con una distanza minima di decollo da circa 3,800 piedi a poco meno di 4,000 piedi. Aerei come il Learjet 31A e Nextant 400XTi.

Il gruppo finale è composto dai light jet che richiedono una pista leggermente più lunga, anche se non di molto. Questi sono gli aerei che necessitano tra 4,200 piedi e 5,000 piedi. In generale, questi sono i getti di luce più grandi.

Jet molto leggeri (VLJ) Distanza minima di decollo

E infine, la distanza minima di decollo dei Very Light Jets (VLJ).

Immediatamente c'è un evidente raggruppamento di aerei, quelli con una distanza minima di decollo da 3,110 piedi a 3,400 piedi. Questi aerei sono i Phenom 100 Phenom 100, Citation M2, Phenom 100EV, e Cessna Citation Mustang.

Gli unici aerei con una distanza minima di decollo inferiore sono i jet davvero piccoli, quasi i veri VLJ.

Questi velivoli sono l'Eclipse 500, l'Eclipse 500 e, naturalmente, il Cirrus Vision Jet SF50 con una distanza minima di decollo di poco più di 2,000 piedi.

All'estremità superiore dello spettro c'è l'HondaJet HA-420 con una distanza minima di decollo di 4,000 piedi.

Esterno HondaJet in vernice blu, ripresa aerea sopra le nuvole che piega a sinistra
Honda Jet HA-420

Ancora una volta, per contestualizzare queste cifre, dobbiamo fare riferimento al Pilatus PC-24.

Con l'eccezione dell'Eclipse 550, dell'Eclipse 500 e del Cirrus Vision Jet, il PC-24 supera tutti questi velivoli.

Inoltre, il PC-24 può atterrare su quasi tutte le superfici di pista ed è un jet di medie dimensioni. Gli aerei che hanno una distanza minima di decollo inferiore non hanno nemmeno servizi igienici a bordo.

Fattori che influenzano la distanza minima di decollo

Ci sono una varietà di fattori che influenzeranno la distanza di decollo di un jet privato.

Ci sono fattori esterni, come la temperatura dell'aria esterna, i venti, la pendenza della pista, l'altitudine dell'aeroporto e altro.

Tuttavia, ai fini del confronto della distanza minima di decollo tra questi jet privati, ci sono tre fattori chiave che influenzeranno la distanza minima di decollo.

Questi fattori sono peso, potenza e profilo aerodinamico.

In parole povere, maggiore è il peso, più tempo impiegherà un aereo a prendere velocità per generare una portanza sufficiente per il decollo. Inoltre, più un aereo è pesante, più aria è necessaria per generare portanza.

In termini di potenza, è così che l'aereo raggiunge la velocità per generare portanza. Pertanto, motori più potenti consentiranno all'aereo di accelerare molto più rapidamente.

E infine, il profilo aerodinamico. A seconda dell'angolo di attacco, verranno generati diversi livelli di portanza.

In definitiva, il ruolo di decollo non è l'unica parte e l'ottimizzazione solo per una distanza minima di decollo bassa si tradurrà in compromessi in altre parti in volo. Pertanto, è tutto un equilibrio per raggiungere le prestazioni ottimali tutt'intorno.

sommario

La conclusione più interessante che si può trarre dall'esame della distanza minima di decollo dei jet privati ​​è la mancanza di tendenze tra i jet di medie dimensioni e quelli di grandi dimensioni.

Tuttavia, le tendenze iniziano a svilupparsi quando si guardano gli aerei più piccoli come i jet leggeri e i VLJ.

Infine, il vero punto di partenza di questa analisi dovrebbe essere il phenomle prestazioni finali a terra del Pilatus PC-24.